Documento senza titolo
Ultimo aggiornamento: 93 giorni fa | Mercoledì, 15 agosto 2018 MEDPress.it su Facebook... Facebook | Segui MEDPress_Italia su Twitter Twitter | Forum | Rss...RSS
Il portale informativo della medicina del territorio. Assistenza primaria, SUES 118 e guardia medica
  Le News di MEDPress.it
Così muore la medicina di famiglia
Salvo Calì: «Il testo è la naturale conseguenza della legge Balduzzi».
Comunicato Stampa SMI | Pubblicato il 07.10.2014 | Articolo letto 6723 volte      
ROMA - Il Sindacato dei Medici Italiani ha riunito la segreteria straordinaria a Roma, lo scorso fine settimana, e resa pubblica, oggi, una dura presa di posizione contro la bozza di convenzione, frutto dell’Atto di indirizzo, proposta, qualche giorno addietro, dalla Sisac, la struttura tecnica interregionale per le trattative.
Per Salvo Calì segretario generale dello Smi, «il testo è evidentemente la naturale conseguenza della legge Balduzzi, e, se consentite, l'ironia, di una scellerata ed effimera relazione d'amore H24: quel provvedimento, infatti, è figlio della condiscendenza di alcune sigle sindacali, che oggi ne disconoscono la paternità. Ma basta andare indietro con le rassegna stampa per trovare molteplici prove dello sciagurato appoggio all’allora ministro della Salute».
«Da rispedire al mittente è lo stesso atto di indirizzo della Conferenza Stato-Regioni – continua Calì - che ha recepito l'impianto della legge, che solo lo Smi ha contrastato. La bozza, di fatto, prevede la moltiplicazione delle forme organizzative complesse, regione per regione, disomogenee e prive di equità, con un unico denominatore comune: l'asservimento della categoria al potere politico, minando l’autonomia e l’indipendenza professionale dei medici di famiglia, e il cardine stesso del rapporto fiduciario con il paziente, anche attraverso l'ingabbiamento degli stessi in un ruolo che ha tutte le caratteristiche del rapporto di dipendenza, senza, però, nessuna delle tutele previste da questo inquadramento (vedi articolo 2 comma 2 ed articolo 4 comma 3 del patto e della bozza SISAC)».
«Si determina così un forte impoverimento di tutta la sanità territoriale – aggiunge il segretario generale Smi – innanzitutto, perché rimane inevaso il vero problema del nostro Ssn: dare risposte funzionali e adeguate alla mutata domanda di salute, a partire dal nodo della cronicità e dell’invecchiamento della popolazione, come proposto dallo Smi in questi anni. Si insiste, invece, con modelli organizzativi rigidi che inseguono la vecchia visione ospedalocentrica, con la pretesa di risolvere così problemi come quello dell’eccessivo ricorso ai Pronto Soccorso o la garanzia di una diversa offerta di continuità dell’assistenza. Inoltre, si tende ancora una volta a intruppare i medici di famiglia in una camicia di forza: nel passato la cascata di oneri burocratici, ora forme di rapporto assimilabili alla dipendenza, senza però i vantaggi di quel trattamento. Purtroppo – conclude Calì - questa è un’altra occasione persa per avviare quella modernizzazione della nostra sanità che aspettano da anni tanto i medici, quanto i cittadini».
Rating:
100.0
2 voti
1 2 3 4 5
Condividi su Facebook
20.07.2017 - Durissimo comunicato stampa dello SNAMI emergenza sanitaria contro una certa politica ragionieristica che in questi ultimi tempi si sta registrando anche in Sicilia. Oltre alla demedicalizzazione delle MSA del territorio (il decreto esiste ancora e non è stato ritirato), alla paventata chiusura dei PTE nella provincia di Messina (la provincia più penalizzata in tutti i sensi), adesso anche la questione dei TSO.
Sicilia
06.05.2018 - Pubblicate nel supplemento ordinario n. 1 alla GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA (p. I) n. 50 del 17 novembre 2017 le graduatorie regionali definitive dei medici di medicina generale valide per il 2018.
Liguria
21.12.2017 - Le graduatorie regionali di medicina generale e di pediatria di libera scelta, provvisorie e definitive, elaborate ai sensi degli artt. 15 e 16 dei vigenti AACCNN di Medicina Generale e di Pediatria di Libera Scelta, con elenco dei medici esclusi...
Liguria
10.11.2017 - La graduatoria, redatta nei quattro settori di attività (Assistenza Primaria, Continuità Assistenziale, Medicina dei Servizi Territoriali ed Emergenza Sanitaria Territoriale), ai sensi dell'art. 15 dell'Accordo Collettivo Nazionale per la disciplina dei rapporti con i medici di medicina generale di cui all\'Intesa sancita in Conferenza Stato-Regioni del 29/07/2009, è pubblicata nel Supplemento Ordinario al Bollettino Ufficiale della Regione Liguria n. 44 - parte seconda - di giovedì 2 novembre 2017.
Sicilia
24.07.2017 - Pubblicate nel supplemento ordinario alla GURS n. 30 del 21.07.2017 le graduatorie regionali provvisorie dei medici di medicina generale valide per il 2018. Entro trenta giorni dalla pubblicazione in GURS, i medici interessati possono inoltrare istanza di riesame
della loro posizione.
Abruzzo
29.03.2017 - Pubblicata nel B.U. n. 31 del 10 marzo 2016 della Regione Abruzzo la graduatoria regionale definitiva dei medici di medicina generale valida per l'anno 2017 (DETERMINAZIONE 08.03.2017, n. DPF015/13).
Sicilia
23.12.2016 - Pubblicate nel supplemento ordinario n. 1 alla GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA (p. I) n. 56 del 23 dicembre 2016 (n. 40) le graduatorie regionali definitive dei medici di medicina generale valide per il 2017.
Continuità Assistenziale
10.04.2017 - Pubblicato il decreto del 22 marzo 2017 che modifica ed integra l’art.11 dell’AIR di continuità assistenziale. Viene introdotto uno specifico riconoscimento che consente ai medici la possibilità di concorrere all’assegnazione di incarichi provvisori e di sostituzione di continuità assistenziale, con la presentazione di apposita istanza, anche nel periodo che va dal 1° al 30 del mese di aprile di ogni anno. Quindi è riconosciuta la possibilità di presentare istanza di partecipazione per incarichi provvisori e di sostituzione in due diversi periodi:
1. nei trenta giorni successivi dalla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana delle graduatorie regionali definitive di medicina generale;
2. nel periodo che va dal 1° al 30 aprile di ciascun anno solare.
Rete IMA e Rete STROKE a Messina
24.05.2015 - Attivate con delibere aziendali da parte dell'ASP di Messina, l'Azienda Ospedaliera Universitaria "G. Martino" di Messina e l'A.O. Papardo-Piemonte di Messina con il 118 della CO di Messina le procedure della rete IMA (Rete STEMI in via sperimentale per adesso) e della rete STROKE.
Malattia medici
20.10.2014 - È cambiato nuovamente l'indirizzo a cui recapitare la comunicazione di inizio malattia per i medici convenzionati con la medicina generale (assistenza primaria, continuità assistenziale ed emergenza sanitaria territoriale).
Malattia medici
18.01.2014 - Nuova modulistica per comunicare alle Generali lo stato di malattia del medico di medicina generale. Disponibile per il download i moduli ufficiali da utilizzare per i medici di assistenza primaria e per i medici di continuità assistenziale ed emergenza sanitaria.
RSS Privacy policy | Cookie policy | Contattaci | Redazione | Forum MEDPress.it 2006-2018 © - Tutti i diritti riservati
Imposta MEDPress.it come tua pagina iniziale (solo con IE)... HomePage   Preferiti Preferiti   Lettera al Direttore... Scrivi Utenti on line: