Documento senza titolo
Ultimo aggiornamento: 24 giorni fa | Venerdì, 15 dicembre 2017 MEDPress.it su Facebook... Facebook | Segui MEDPress_Italia su Twitter Twitter | Forum | Rss...RSS
Il portale informativo della medicina del territorio. Assistenza primaria, SUES 118 e guardia medica
  Le News di MEDPress.it
Modelli 118 a confronto. Conflitto di interessi?
Perché smantellare un sistema che funziona e che produce risparmio a lungo termine con un altro che produce solo risparmio immediato e non certo a lungo termine?
Comunicato Stampa SNAMI | Pubblicato il 07.09.2017 | Articolo letto 1051 volte      
Modelli 118 a confronto. Conflitto di interessi?
PALERMO – Mancava solo la nuova polemica degli ultimi giorni di chi ha profetizzato che è meglio far scendere i medici del 118 dalle ambulanze. Adesso anche su Facebook soggetti titolati di incarichi formativi azzardano prese di posizioni che in un Paese normale avrebbero richiesto come naturale conseguenza le dimissioni. Sono troppe le ambulanze con medici a bordo e poche le ambulanze con infermieri… o anche lee auto mediche? Sono paragonabili le statistiche della regione Lombardia con quella della Sicilia? E queste statistiche vengono lette o interpretate in maniera scientifica oppure no? Di certo vi è una situazione di confusione presso l’utenza. Ma il medico sull’ambulanza che ci sta a fare? Serve? O forse è meglio utilizzarlo in altri scenari? È sostituibile? Vengono comunque garantiti i livelli minimi di assistenza in loro assenza?

È di questi giorni una polemica a distanza tra il direttore generale dell’ASP di Messina, Gaetano Sirna, da un lato e il direttore generale del Bonino Pulejo, Angelo Aliquò, dall’altro, a cui si aggiunge anche l’intervento di Antonino Grillo, medico del 118 responsabile nazionale e provinciale dello SNAMI Emergenza.

In questo ginepraio di polemiche anche gli autisti-soccorritori vengono chiamati in causa… ma un sospetto sorge spontaneo. Ma perché tutto ciò accade sempre e semplicemente alla vigilia di una campagna elettorale per il rinnovo dell’ARS di Palermo e per l’elezione del nuovo governatore della Sicilia?


Antonino Grillo scrive in redazione e risponde alle polemiche con qeusto nuovo comunicato che integralmente riportiamo.

Il rappresentante dello SNAMI ribadisce le considerazioni rilasciate in merito al grande lavoro svolto dalle ambulanze di base ed al valore degli autisti/soccorritori, sposando le affermazioni espresse dall’Assessore Gucciardi e dal DG Aliquò, che si invita a rileggere con maggiore attenzione le proprie valutazioni pubblicate, da cui non si può evincere in alcun modo la minima volontà di delegittimare il servizio prestato dalle ambulanze di base nè l'attività degli autisti/soccorritori, ma solo parole di stima nel lavoro svolto e nella qualità raggiunta sul campo, essendo tutti parte integrante di un sistema che funziona, autisti/soccorritori, medici ed infermieri del 118.

Non di meno si ritiene però che un modello che “curi” il malato, atto prettamente medico, e non semplicemente lo “soccorra”, atto demandato per legge anche al laico, possa portare maggiore giovamento non solo al paziente ma alle stesso Servizio ed alle casse regionali, attraverso quindi l’opera di medicalizzazione di un numero sufficiente di ambulanze, come attualmente avviene nella Provincia di Messina.

Lo stesso DG Aliquò dimostra infatti come che nella giornata del 4/09/17 in Lombardia ben l’89% degli interventi effettuati con ambulanze di base siano consequenzialmente esitati in un accesso in PS, il più vicino sicuramente, poiché non è nelle facoltà dell’Autista/Soccorritore né il potere scegliere il nosocomio di destinazione più idoneo per la patologia sottostante, né “curare” il paziente soccorso lasciandolo a casa. Evitare infatti un accesso improprio al PS genera per ogni singolo paziente un risparmio medio di ben 250 euro (secondo i dati ministeriali recenti), quindi è opinione del Sindacato che rappresento e dell’ASP Messina che si possano meglio investire questi soldi medicalizzando maggiori ambulanze, che di fatto migliorano l’offerta qualitativa sanitaria sul territorio, agendo da filtro al lavoro dei PS, sgravandoli così da trasferimenti secondari consequenziali, nonché evitando lunghe attese e disagi ai pazienti, ed infine riducendo uno spreco evitabile di risorse economiche. Questo quanto sostenuto dallo stesso DG Sirna, medico e conoscitore della materia.

Invito inoltre l’Assessore Gucciardi ed il DG Aliquò a prendere visione delle relazioni consegnate in Assessorato ed alla VI Commissione Sanità dai referenti delle reti STEMI (Dott. Tanio Satullo) e STROKE (Prof. Rosa Musolino) sui risultati ottenuti nel bacino di Messina, validati e riconosciuti in ambito nazionale. Sempre per citare dati reali afferenti dalle Stroke Unit nazionali, elaborati dall’Università di Messina, risulta che la percentuale di pazienti trattati/trattabili nel 2016 sia del 29,5% in Sicilia, del 68,1% della Lombardia mentre a Messina si attesti al 106%. Risultati questi, così come ampiamente relazionato dai referenti delle reti tempo dipendenti, chiaramente ottenuti grazie anche al giusto numero e distribuzione sul territorio di ambulanze con medico a bordo, capace di porre diagnosi e di stabilizzare il paziente, effettuando un trasporto protetto fino alla Stroke Unit od Emodinamica di riferimento, distanti anche 100 Km, con risparmio di tempo, soldi, ma soprattutto di disabilità del paziente e successivi oneri per le famiglie e la stessa società.

Essendo però chiare le affermazioni del DG Aliquò quando dice che “bastano le ambulanze medicalizzate che già esistono, ma vanno usate bene”, inutile diventa quindi ogni ulteriore polemica, che non interessa né la scrivente sigla sindacale da me rappresentata né certamente i lettori della onorevole testata che ci permette, ancora una volta, di rappresentare semplicemente i timori e le paure legate ad una diminuzione dell’offerta sanitaria nella provincia di Messina.

Invito pertanto il DG Aliquò, se come si evince dalle sue dichiarazioni condivide il numero delle attuali ambulanze con medico a bordo, a contribuire alla firma della petizione popolare contro il depotenziamento delle 27 ambulanze medicalizzate e dei 14 PTE nella provincia di Messina, con lo stesso impegno con cui ha risposto agli appelli della cittadinanza messinese contro la chiusura del PS Piemonte, grazie anche all’aiuto dei medici del 118, che da allora continuano la collaborazione con tutti i PS della Provincia.
Rating:
100.0
3 voti
1 2 3 4 5
Condividi su Facebook
20.07.2017 - Durissimo comunicato stampa dello SNAMI emergenza sanitaria contro una certa politica ragionieristica che in questi ultimi tempi si sta registrando anche in Sicilia. Oltre alla demedicalizzazione delle MSA del territorio (il decreto esiste ancora e non è stato ritirato), alla paventata chiusura dei PTE nella provincia di Messina (la provincia più penalizzata in tutti i sensi), adesso anche la questione dei TSO.
Liguria
10.11.2017 - La graduatoria, redatta nei quattro settori di attività (Assistenza Primaria, Continuità Assistenziale, Medicina dei Servizi Territoriali ed Emergenza Sanitaria Territoriale), ai sensi dell'art. 15 dell'Accordo Collettivo Nazionale per la disciplina dei rapporti con i medici di medicina generale di cui all\'Intesa sancita in Conferenza Stato-Regioni del 29/07/2009, è pubblicata nel Supplemento Ordinario al Bollettino Ufficiale della Regione Liguria n. 44 - parte seconda - di giovedì 2 novembre 2017.
Sicilia
24.07.2017 - Pubblicate nel supplemento ordinario alla GURS n. 30 del 21.07.2017 le graduatorie regionali provvisorie dei medici di medicina generale valide per il 2018. Entro trenta giorni dalla pubblicazione in GURS, i medici interessati possono inoltrare istanza di riesame
della loro posizione.
Abruzzo
29.03.2017 - Pubblicata nel B.U. n. 31 del 10 marzo 2016 della Regione Abruzzo la graduatoria regionale definitiva dei medici di medicina generale valida per l'anno 2017 (DETERMINAZIONE 08.03.2017, n. DPF015/13).
Sicilia
23.12.2016 - Pubblicate nel supplemento ordinario n. 1 alla GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA (p. I) n. 56 del 23 dicembre 2016 (n. 40) le graduatorie regionali definitive dei medici di medicina generale valide per il 2017.
Sicilia
23.10.2016 - Pubblicate nel supplemento ordinario alla GURS n. 45 del 21.10.2016 le graduatorie regionali provvisorie dei medici di medicina generale valide per il 2017. Entro trenta giorni dalla pubblicazione in GURS, i medici interessati possono inoltrare istanza di riesame della loro posizione.
Sicilia
20.11.2015 - Pubblicate nel supplemento ordinario alla GURS n. 48 del 20.11.2015 le graduatorie regionali provvisorie dei medici di medicina generale valide per il 2016.
Continuità Assistenziale
10.04.2017 - Pubblicato il decreto del 22 marzo 2017 che modifica ed integra l’art.11 dell’AIR di continuità assistenziale. Viene introdotto uno specifico riconoscimento che consente ai medici la possibilità di concorrere all’assegnazione di incarichi provvisori e di sostituzione di continuità assistenziale, con la presentazione di apposita istanza, anche nel periodo che va dal 1° al 30 del mese di aprile di ogni anno. Quindi è riconosciuta la possibilità di presentare istanza di partecipazione per incarichi provvisori e di sostituzione in due diversi periodi:
1. nei trenta giorni successivi dalla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana delle graduatorie regionali definitive di medicina generale;
2. nel periodo che va dal 1° al 30 aprile di ciascun anno solare.
Rete IMA e Rete STROKE a Messina
24.05.2015 - Attivate con delibere aziendali da parte dell'ASP di Messina, l'Azienda Ospedaliera Universitaria "G. Martino" di Messina e l'A.O. Papardo-Piemonte di Messina con il 118 della CO di Messina le procedure della rete IMA (Rete STEMI in via sperimentale per adesso) e della rete STROKE.
Malattia medici
20.10.2014 - È cambiato nuovamente l'indirizzo a cui recapitare la comunicazione di inizio malattia per i medici convenzionati con la medicina generale (assistenza primaria, continuità assistenziale ed emergenza sanitaria territoriale).
Malattia medici
18.01.2014 - Nuova modulistica per comunicare alle Generali lo stato di malattia del medico di medicina generale. Disponibile per il download i moduli ufficiali da utilizzare per i medici di assistenza primaria e per i medici di continuità assistenziale ed emergenza sanitaria.
RSS Privacy policy | Cookie policy | Contattaci | Redazione | Forum MEDPress.it 2006-2017 © - Tutti i diritti riservati
Imposta MEDPress.it come tua pagina iniziale (solo con IE)... HomePage   Preferiti Preferiti   Lettera al Direttore... Scrivi Utenti on line: