Documento senza titolo
Ultimo aggiornamento: 10 giorni fa | Venerdì, 20 ottobre 2017 MEDPress.it su Facebook... Facebook | Segui MEDPress_Italia su Twitter Twitter | Forum | Rss...RSS
Il portale informativo della medicina del territorio. Assistenza primaria, SUES 118 e guardia medica
  Le News di MEDPress.it
GIU’ LE MANI DAL 118
...e intanto il 118 ha già proclamato lo stato di agitazione per la categoria.
Redazione (M. Savasta) | Pubblicato il 15.07.2017 | Articolo letto 736 volte      
MESSINA - In Sicilia si sa, più fa caldo e più la classe politica, invece di andare a mare, prova a proporre dei tagli alla sanità territoriale. Ma non sarebbe opportuno climatizzare meglio gli uffici?
Recentemente abbiamo già analizzato il D.A. 629 del 31 Marzo 2017 “Riorganizzazione della rete ospedaliera ai sensi del D.M. 2 aprile 2015, n. 70” in merito alla volontà di ridurre in numero totale di ambulanze del 118 sul territorio e di demedicalizzare solo nella provincia di Messina il 50% delle ambulanze attualmente dotate di supporto medico avanzato.
Dopo una forte reazione della popolazione, capitanata dai sindaci locali riunitosi presso la sede dell’ordine dei medici, ed il pressing mediatico legato al rischio di vedere tramontare l’attuale organizzazione in Reti tempo dipendenti per la terapia dell’infarto e dell’ictus, eccellenza per il 118 di Messina riconosciuta in campo nazionale, l’Assessorato ha prodotto la nota 39359 del 12/05/2017: le 251 postazioni di 118 complessive in atto nella regione siciliana non verranno diminuite! Si precisa inoltre nella nota che la demedicalizzazione di parte delle stesse, che in realtà riguarda quasi esclusivamente la provincia di Messina, “sarà oggetto di rivalutazione”, restando invariata l’attuale rete territoriale delle ambulanze/postazioni fino al 31/12/2018.
Nessun chiarimento è stato prodotto invece riguardo ai PTE distribuiti su tutto il territorio siciliano (PPI secondo nomenclatura nazionale), che dovrebbero essere in parte riconvertiti in semplici ambulanze privando la popolazione di ambulatori, soprattutto quelli distanti dagli ospedali, attrezzati per gestire le urgenze e stabilizzare le emergenze sul territorio.
Ma ci si domanda, se la volontà è comunque quella di mantenere tutte le ambulanze sul territorio con personale autista/soccorritore, che vantaggio anche economico vi sarebbe nel privarle giusto dei medici, soprattutto nella provincia di Messina dove già da due anni sono state istituite e via via implementate le Reti tempo dipendenti che hanno contribuito a salvare molte vite umane? Da la risposta La Corte dei Conti: «se dovesse trovare piena e compiuta attuazione (la riorganizzazione della rete ospedaliera) determinerebbe non un risparmio ma un’impennata fortemente espansiva dei costi della sanità…»
In conferenza stampa tenutasi a Messina il 15/05/2017 un medico del 118, A. Bandieramonte ha voluto mettere chiarezza sulla volontà politica di demedicalizzare il 118, penalizzando fortemente se non esclusivamente la provincia di Messina. “Intervistando” personalmente l’Assessore B. Guicciardi riceve una netta risposta da parte dell’Assessore alla Salute: “Scusi ma se dal DM70 è previsto il potenziamento della rete del 118 come potrei mai togliere le ambulanze o i medici? Ripeto che l'ho scritto nella nota e poi non prendete in considerazione i numeri nella tabella che è stata riportata nel documento, le reti tempo-dipendenti come funzionerebbero senza i medici?».
Tutto questo non convince però i Sindacati, attenti più ai fatti e meno alle dichiarazioni. Alla luce delle numerose inadempienze da parte dell’Assessorato e della mancata convocazione con le sigle sindacali di settore nonostante le reiterate richieste, anche a mezzo di diffida da parte dell’Avv. Santi DELIA, le sigle SNAMI, FIMMG e SMI in data 28/06/2017 proclamano lo stato di AGITAZIONE, pronti a proseguire con azioni di SCIOPERO se nessuna azione verrà intrapresa dall’Assessorato. Ad oggi nessuna risposta.
La richiesta è chiara: GIU’ LE MANI DAL 118!!!
Rating:
100.0
3 voti
1 2 3 4 5
Condividi su Facebook
20.07.2017 - Durissimo comunicato stampa dello SNAMI emergenza sanitaria contro una certa politica ragionieristica che in questi ultimi tempi si sta registrando anche in Sicilia. Oltre alla demedicalizzazione delle MSA del territorio (il decreto esiste ancora e non è stato ritirato), alla paventata chiusura dei PTE nella provincia di Messina (la provincia più penalizzata in tutti i sensi), adesso anche la questione dei TSO.
Sicilia
24.07.2017 - Pubblicate nel supplemento ordinario alla GURS n. 30 del 21.07.2017 le graduatorie regionali provvisorie dei medici di medicina generale valide per il 2018. Entro trenta giorni dalla pubblicazione in GURS, i medici interessati possono inoltrare istanza di riesame
della loro posizione.
Abruzzo
29.03.2017 - Pubblicata nel B.U. n. 31 del 10 marzo 2016 della Regione Abruzzo la graduatoria regionale definitiva dei medici di medicina generale valida per l'anno 2017 (DETERMINAZIONE 08.03.2017, n. DPF015/13).
Sicilia
23.12.2016 - Pubblicate nel supplemento ordinario n. 1 alla GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA (p. I) n. 56 del 23 dicembre 2016 (n. 40) le graduatorie regionali definitive dei medici di medicina generale valide per il 2017.
Sicilia
23.10.2016 - Pubblicate nel supplemento ordinario alla GURS n. 45 del 21.10.2016 le graduatorie regionali provvisorie dei medici di medicina generale valide per il 2017. Entro trenta giorni dalla pubblicazione in GURS, i medici interessati possono inoltrare istanza di riesame della loro posizione.
Sicilia
20.11.2015 - Pubblicate nel supplemento ordinario alla GURS n. 48 del 20.11.2015 le graduatorie regionali provvisorie dei medici di medicina generale valide per il 2016.
Campania
16.11.2015 - Graduatorie provvisorie Medici di Medicina Generale 2015. Decreto Dirigenziale n. 16 del 06.11.2015 - Approvazione e pubblicazione graduatoria provvisoria di Medicicna Generale anno 2015 valevole per l'anno 2016 redatta ai sensi dell'A.C.N. di MMG Rep. 93/2009 CSR.
Continuità Assistenziale
10.04.2017 - Pubblicato il decreto del 22 marzo 2017 che modifica ed integra l’art.11 dell’AIR di continuità assistenziale. Viene introdotto uno specifico riconoscimento che consente ai medici la possibilità di concorrere all’assegnazione di incarichi provvisori e di sostituzione di continuità assistenziale, con la presentazione di apposita istanza, anche nel periodo che va dal 1° al 30 del mese di aprile di ogni anno. Quindi è riconosciuta la possibilità di presentare istanza di partecipazione per incarichi provvisori e di sostituzione in due diversi periodi:
1. nei trenta giorni successivi dalla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana delle graduatorie regionali definitive di medicina generale;
2. nel periodo che va dal 1° al 30 aprile di ciascun anno solare.
Rete IMA e Rete STROKE a Messina
24.05.2015 - Attivate con delibere aziendali da parte dell'ASP di Messina, l'Azienda Ospedaliera Universitaria "G. Martino" di Messina e l'A.O. Papardo-Piemonte di Messina con il 118 della CO di Messina le procedure della rete IMA (Rete STEMI in via sperimentale per adesso) e della rete STROKE.
Malattia medici
20.10.2014 - È cambiato nuovamente l'indirizzo a cui recapitare la comunicazione di inizio malattia per i medici convenzionati con la medicina generale (assistenza primaria, continuità assistenziale ed emergenza sanitaria territoriale).
Malattia medici
18.01.2014 - Nuova modulistica per comunicare alle Generali lo stato di malattia del medico di medicina generale. Disponibile per il download i moduli ufficiali da utilizzare per i medici di assistenza primaria e per i medici di continuità assistenziale ed emergenza sanitaria.
RSS Privacy policy | Cookie policy | Contattaci | Redazione | Forum MEDPress.it 2006-2017 © - Tutti i diritti riservati
Imposta MEDPress.it come tua pagina iniziale (solo con IE)... HomePage   Preferiti Preferiti   Lettera al Direttore... Scrivi Utenti on line: